MENU
CERCA
AMBULATORI
SERVIZI IN EVIDENZA
Home >> news >> Dopo le vacanze Stanchezza, insonnia o perdita di peso possono durare a lungo, ecco la sindrome del rientro

Dopo le vacanze Stanchezza, insonnia o perdita di peso possono durare a lungo, ecco la sindrome del rientro

DATA
08.09.2011

NOTIZIA
Malinconici e stressati in ufficio può essere la «sindrome» del rientro: i rimedi degli esperti: dallo sport a cancellare tutte le mail

Cancellate le email! Le centinaia, o migliaia, di email che trovate al rientro dalle vacanze. È il consiglio che da anni offre Kevan Hall - esperto di management e di gestione delle risorse umane, autore del manuale Speed Lead - per superare la depressione post-ferie. Per limitare il blues che colpisce molti al rientro in ufficio e alla normalità della vita familiare.
Premete il tasto Delete: gran parte dei messaggi sono certamente obsoleti - sostiene - e le cose davvero importanti vi saranno comunque rimandate. Mah: suggerimento pragmatico forse, fatto sta che gli psicologi dicono che non è consigliabile reinserirsi nella vita di tutti i giorni con un gesto di negazione, che tra l'altro potrebbe creare ansie da perdita di qualcosa di importante o di bello.
La questione è che il rientro è un problema vero, soprattutto se la vacanza è stata lunga e ha effettivamente rotto con la quotidianità, ma strumenti seri per misurare lo stress e soluzioni certe per superarlo è difficile trovarne. Soprattutto, succede che nell'autunno 2011 che si annuncia i paradigmi che di solito accompagnano la ripresa dell'attività stanno saltando. Le crisi italiana e mondiale hanno cambiato i termini del problema anche per chi di solito usava la spiaggia per caricarsi come una molla.
«In vacanza pensi un sacco - dice Marco Palmieri, imprenditore, proprietario del gruppo di pelletteria Piquadro -. Leggi cose che normalmente non leggi, ricevi input che in altri momenti non ti arrivano. Nel bene e nel male assumi una visione del mondo diversa. Di solito, nei giorni immediatamente precedenti al rientro fai la lista delle cose da fare, delle nuove iniziative da prendere. Quest'anno, però, il tema ricorrente dell'estate ha riguardato la crisi e l'approccio positivo si è trasformato in preoccupazione. Il risultato è che anziché essere espansivi, anziché progettare nuove cose si è diventati conservatori, tesi a difendere quello che si ha per paura di perderlo di fronte alla minaccia della crisi».

Proprio durante le vacanze, nel momento del piacere, agli italiani è stato rivelato che il Paese sta attraversando un passaggio drammatico: pochi stanno rientrando a casa, in ufficio, in fabbrica con il cuore più leggero, non importano l'abbronzatura, le conquiste dell'estate, le ore piccole in discoteca.
Di questi tempi, in altri termini, alla depressione da rientro solita va aggiunta l'ansia da futuro. E da impotenza. Le cure tradizionali funzionano meno, ammesso che siano mai state davvero efficaci. Cose tipo mettersi a dieta, fare subito molto sport, conoscere nuove persone, organizzare un pranzo di rientro in ufficio, fare shopping, invitare i compagni di scuola dei ragazzi a un pigiama-party sembrano pannicelli caldi quest'anno. Stephen Brooks, un consulente di management del gruppo britannico Pa Partners, sostiene che i capi impresa dovrebbero dare motivazioni particolari ai dipendenti quando questi rientrano dalle vacanze. A maggior ragione in momenti di crisi. In azienda, infatti, la maggior parte di noi è motivata dalla rilevanza del genere di lavoro che svolge e dall'importanza di quello che fa: il momento del rientro dalle ferie spesso mette in dubbio queste motivazioni. «La casella della posta è zeppa di attività di scarso valore, e ciò ci ricorda quanto tempo della nostra vita lavorativa sia improduttivo - sostiene Brooks -. Ci rendiamo conto che l'organizzazione è sopravvissuta piuttosto bene senza di noi, il che solleva la questione del quanto siamo rilevanti». In un periodo, come dice Palmieri, non espansivo ma conservativo, i dubbi sul senso del tran-tran possono diventare vere e proprie ansie, paure, depressioni.

La Post Vacation Syndrome
Così alcuni ricercatori l'hanno definita - prende spesso le forme di irritabilità acuta, di stanchezza profonda, di difficoltà a concentrarsi, di senso di vuoto e può arrivare a forme di insonnia, disinteresse per le persone che ci stanno intorno, perdita di peso. Sintomi che possono anche durare a lungo. Fuori dal lavoro, attività che nel resto dell'anno sono normali possono sembrare ostacoli insuperabili, ad esempio l'idea che i figli tornino a scuola, con quel che ciò che comporta in termini di organizzazione, corsi da prenotare, orari da rispettare, studi da seguire. Molto più di una semplice malinconia per panorami alpini e tramonti sul mare. Tutto reso più acuto dal sospetto che il futuro sia poco rosa e le prossime vacanze in dubbio.
Tra le migliaia di formule per una terapia contro la depressione da rientro che si trovano su internet, c'è anche l'idea di fare vacanze più brevi, o di lavorare un po' anche quando si è in ferie, per non creare fratture. In tempi di posti di lavoro incerti può essere opportuno, forse obbligatorio. Resta il fatto che molti preferirebbero cancellare le email.

Fonte: corriere.it
A cura di Danilo Taino


TAG: vacanze rientro vacanze sindrome rientro ufficio stanchezza malinconia

Informazioni su : Psicologia




ULTIME NEWS

Creme solari: 10 cose che (forse) non sai sui prodotti per l'abbronzatura
2018-08-04
Creme solari, conoscete davvero le caratteristiche dei prodotti per la protezione solare e per l'abbronzatura? L'estate si avvicina e il caldo è arrivato. E' il momento d
I nostri orari di agosto
2018-08-01
ORARI DI APERTURA MESE DI AGOSTO 2018 Fino a lunedì 6 agosto orario normale, mattino e pomeriggio. Da martedì 7 agosto a sabato 11 agosto. Aperti solamente al matt
Api, meduse, ragni, vipere, zecche. Cosa fare in caso di morso o puntura
2018-07-31
Estate, tempo di vacanze: mare, montagna, campagna o lago, ogni località offre relax e svaghi, ma anche lati oscuri. Calabroni, zecche, meduse, scorpioni e vipere in
Bimbi d'estate: il vademecum dei pediatri
2018-07-30
Coinvolgerli nell'organizzazione del viaggio, inserendo tappe ad hoc. Essenziali gli snack e il primo soccorso. Cappellino, crema solare, occhiali da sole e farmaci pr
Rimozione del tatuaggio? Sì, ma rigenerando la pelle
2018-07-30
Pentiti del tatuaggio, c’è una novità! Sembra ormai clinicamente confermato che, con l’uso della tecnologia laser a picosecondi abbinata al trattamento con laser fraziona
Campeggio: i 10 errori da evitare per godersi la vacanza in tenda
2018-07-22
Quest'anno avete deciso di trascorrere una vacanza in campeggio? Di sicuro si tratta di un'alternativa economica, divertente e avventurosa, adatta a chi vuole riscoprire
Godersi la montagna d'estate Anche nella terza età
2018-07-12
Gli eventuali rischi dell'altitudine possono essere gestiti. Le misure da adottare perché il fisico possa trarne giovamento Un piacevole fresco, lontano dall'afa della
Vacanze in salute, le regole d'oro
2018-07-01
Qualche prezioso consiglio da non dimenticare mai, per trascorrere le ferie in tranquillità e fronteggiare eventuali emergenze. Cosa sarebbe l’estate senza vacanze? Il
Le medicine da mettere in valigia
2017-08-01
E’ il momento di andare in vacanza, preparare la valigia: vestiti, costumi, creme, beauty-case e libri vanno bene, ma è importante non dimenticarsi delle medicine. Qu
Allergici in viaggio, qualche trucco per evitare di correre rischi
2017-08-01
In vacanza, soprattutto all'estero, cresce la probabilità di pericolosi choc anafilattici per chi è allergico ai cibi La prospettiva di una vacanza può diventare un in

« Lista Completa