MENU
CERCA
AMBULATORI
SERVIZI IN EVIDENZA
Home >> news >> Unghia incarnita: cosa fare?

Unghia incarnita: cosa fare?

DATA
26.08.2014

NOTIZIA
Cosa significa e determina la parola unghia incarnita? L'unghia incarnita si ha proprio quando i lati di un'unghia tende a crescere sotto la pelle delle dita, che sia delle mani o dei piedi, in breve l'unghia penetra la pelle che diventa rossa, gonfia e tutta infiammata fino a far formare anche infezione.

Le unghie incarnite possono essere un problema di tutti, che siano uomini o donne, di qualsiasi età anche se statisticamente sono più frequenti in adolescenti ed anziani. Inoltre le unghie tagliate troppo corte e male oppure indossare scarpe troppo strette aumentano la probabilità e la tendenza di formare delle unghie incarnite.

Nella maggior parte dei casi, un'unghia incartita può essere curata con successo rimuovendo una sezione di unghia, quella diciamo malata, o addirittura rimuovendo tutta l'unghia.

Non curare un'unghia incarnita può comportare l'infezione del dito con l'unghia incarnita e nel peggiore dei casi favorire il formarsi della cancrena.

Inoltre le unghie incarnite possono favorire il formarsi di un ascesso, cioè un gonfiore doloroso e pieno di pus che comunque può essere eliminato con un semplice intervento chirurgico.


I sintomi di un'unghia incarnita possono variare in base alla gravità e si dividono in:
Lievi sintomi: questi possono includere una infiammazionea o gonfiore della pelle con dolore alla punta del dito, oppure ad un edema, cioè un accumulo di liquido nella zona circostante la punta del dito.

Sintomi moderati: questi sintomi possono includere un'infiammazione maggiore della punta del dito con pus di colore bianco o giallo che si forma nella zona dell'unghia incarnita oppure una lieve emorragia nella zona colpita.

Sintomi gravi: possono includere un dolore acuto, seguito da una notevole infiammazione, può formarsi un eccesso di pelle attorno alla punta del dito interessato (ipertrofia) oppure anche una grave infezione.

A chi rivolgersi:
Qualsiasi caso sia, si consiglia comunque una visita da un podologo (specialista cura dei piedi) per un parere.

Un'unghia incarnita può avere varie cause, tra cui:

l'errato modo con cui si tagliano le unghie, come ad esempio tagliando le unghie troppo corte oppure tagliando eccessivamente i bordi dell'unghia che incoraggia la pelle circostante a ricrescere sopra l'unghia;l'uso di scarpe, di calze o di collant troppo stretti. Questo può avere una forte pressione della pelle sull'unghia e può comportare delle lacerazioni della stessa che può facilitare l'insorgere di un'infezione;la sudorazione eccessiva o una scarsa igiene facilita la pelle a diventare troppo fragile ed esposta maggiormente alle perforazioni da parte dell'unghia;una lesione;infezione dell'unghia;soggetti maggiormente predisposti.


Diagnosi di un'unghia incarnita:la scelta migliore è sempre quella di consultare un medico o meglio ancora un esperto podologo, che potranno diagnosticare in modo più completo come curare ed anche evitare un'unghia incarnita. Per quei soggetti che hanno il diabete invece serve fare molta attenzione perché si possono verificare dei danni ai nervi del piede (neuropatia).

Trattamento unghia incarnita:
Il miglior trattamento rimane la prevenzione e la cura dell'igiene personale. A seguire alcuni consigli per trattare un'unghia incarnita:

Praticare una buona igiene del piede, prendersene cura e lavandoli regolarmente con acqua e sapone.
Tagliare le unghie diritte e soprattutto non tagliarle troppo corte.
Se la pelle del dito spinge troppo sull'unghia cercare di scostarla, tagliando leggermente il lato dell'unghia oppure cercando di spingere delicatamente la pelle lontano dall'unghia con un cotton-fioc e successivamente applicare un po' di crema emolliente oppure sporcare il cotone del cotton-fioc con olio di oliva e passarlo delicatamente per ammorbidire.
Indossare scarpe comode e non troppo strette.

Prevenzione dell'unghia incarnita
La prevenzione in generale è molto importante.

Ecco alcuni consigli ad hoc:

1.Tagliare le unghie in un modo regolare e non troppo corte.

La probabilità di sviluppare un'unghia incarnita si riducono se si tagliano le unghie in modo corretto. Tagliare le unghie facendo attenzione a non fare angoli verso il basso o verso i bordi perché questo favorisce il formarsi di un'unghia incarnita. Può essere più facile tagliarsi le unghie dopo la doccia o dopo un bagno in quanto la pelle circostante all'unghia è più morbida e trattabile.

2. Seguire le regole di una buona igiene.

Prendersi cura della propria igiene personale aiuta a prevenire i problemi che sorgono con la crescita. E' consigliato ad esempio lavare i piedi ogni giorno con acqua calda e sapone per tenerli sempre puliti e dopo il lavaggio, asciugarli accuratamente ed applicare una crema idratante apposita. Se serve, utilizzare anche una pietra pomice per rimuovere la pelle inspessita. Sempre riguardo ai piedi bisogna cambiarsi i calzini (o collant) ogni giorno in modo che rimangono freschi e puliti il più possibile.

3. Indossare delle buone calzature

Indossare scarpe comode che si adattino bene al piede è molto importante per garantire che piedi freschi e soprattutto sani e curati.

4. Consultare il medico

Il consulto con un medico pedologo che possa esaminare la situazione dell'unghia incarnita garantisce una corretta cura ed un miglio trattamento da seguire per migliorare e prevenire le unghie incarnite.

Ricordatevi che le unghie sono una difesa delle dite della mani e dei piedi pertanto prendetevene sempre cura, anche se non siete soggetti al formarsi di unghie incarnite.

Inoltre fate sempre attenzione a come tagliate le unghie, perché tagliare troppo, magari con l'aiuto di tronchesi o forbici, favorisce una crescita irregolare dell'unghia e pertanto risulta maggiormente probabile che possa incarnirsi.

Fate anche attenzione a non asportare cuticole o pellicine in prossimità delle unghie, perché sono una protezione del letto ungueale contro le infezioni batteriche.








TAG: podologia podologo unghia unghie incarnite trattamento

Informazioni su : Podologia




ULTIME NEWS

Creme solari: 10 cose che (forse) non sai sui prodotti per l'abbronzatura
2018-08-04
Creme solari, conoscete davvero le caratteristiche dei prodotti per la protezione solare e per l'abbronzatura? L'estate si avvicina e il caldo è arrivato. E' il momento d
I nostri orari di agosto
2018-08-01
ORARI DI APERTURA MESE DI AGOSTO 2018 Fino a lunedì 6 agosto orario normale, mattino e pomeriggio. Da martedì 7 agosto a sabato 11 agosto. Aperti solamente al matt
Api, meduse, ragni, vipere, zecche. Cosa fare in caso di morso o puntura
2018-07-31
Estate, tempo di vacanze: mare, montagna, campagna o lago, ogni località offre relax e svaghi, ma anche lati oscuri. Calabroni, zecche, meduse, scorpioni e vipere in
Bimbi d'estate: il vademecum dei pediatri
2018-07-30
Coinvolgerli nell'organizzazione del viaggio, inserendo tappe ad hoc. Essenziali gli snack e il primo soccorso. Cappellino, crema solare, occhiali da sole e farmaci pr
Rimozione del tatuaggio? Sì, ma rigenerando la pelle
2018-07-30
Pentiti del tatuaggio, c’è una novità! Sembra ormai clinicamente confermato che, con l’uso della tecnologia laser a picosecondi abbinata al trattamento con laser fraziona
Campeggio: i 10 errori da evitare per godersi la vacanza in tenda
2018-07-22
Quest'anno avete deciso di trascorrere una vacanza in campeggio? Di sicuro si tratta di un'alternativa economica, divertente e avventurosa, adatta a chi vuole riscoprire
Godersi la montagna d'estate Anche nella terza età
2018-07-12
Gli eventuali rischi dell'altitudine possono essere gestiti. Le misure da adottare perché il fisico possa trarne giovamento Un piacevole fresco, lontano dall'afa della
Vacanze in salute, le regole d'oro
2018-07-01
Qualche prezioso consiglio da non dimenticare mai, per trascorrere le ferie in tranquillità e fronteggiare eventuali emergenze. Cosa sarebbe l’estate senza vacanze? Il
Le medicine da mettere in valigia
2017-08-01
E’ il momento di andare in vacanza, preparare la valigia: vestiti, costumi, creme, beauty-case e libri vanno bene, ma è importante non dimenticarsi delle medicine. Qu
Allergici in viaggio, qualche trucco per evitare di correre rischi
2017-08-01
In vacanza, soprattutto all'estero, cresce la probabilità di pericolosi choc anafilattici per chi è allergico ai cibi La prospettiva di una vacanza può diventare un in

« Lista Completa