MENU
CERCA
AMBULATORI
SERVIZI IN EVIDENZA
Home >> news >> Tutti sugli sci, ma attenti alle scottature

Tutti sugli sci, ma attenti alle scottature

DATA
03.03.2014

NOTIZIA
La neve è caduta abbondante e la stagione sciistica è cominciata. La metà degli habitué delle piste bianche però si scotta al sole.

Secondo una recente ricerca neozelandese metà degli sciatori si scotta al sole. I dati sono stati divulgati dai dermatologi dell'Adoi - Associazione dermatologi ospedalieri italiani perché lo studio rispecchia anche il dato italiano: 1 sciatore su 2 si scotta al sole e 7 su 10 sono ignari dei messaggi educativi sulla protezione della pelle. Gli uomini, poi, si bruciano almeno il doppio rispetto alle donne. Al primo fine settimana sulla neve, insomma, in genere ci si ricorda di tutto tranne che della crema protettiva. Eppure, in montagna il riflesso del sole sulla neve e sul ghiaccio rende ancora più pericolosa l’esposizione, perché è amplificato di 4 volte rispetto a quello della sabbia e la quantità di raggi UVB (responsabili di eritemi e scottature) aumenta del 4 per cento ogni 300 metri di quota. E non sempre la crema da sola è sufficiente a proteggere la pelle. Da non dimenticare, poi, che sono i più piccoli a farne le spese maggiori, perché la pelle del bambino è più fragile davanti all’aggressione del sole e ha memoria degli insulti subiti. L’Adoi lancia quindi un appello per far sì che gli italiani non si dimentichino di proteggere la pelle anche in montagna e non solo al mare ricordando che gli ultravioletti provocano danni alla pelle. Ne abbiamo parlato con prof. Marcello Monti, responsabile di Dermatologia in Humanitas e docente dell’Università degli Studi di Milano.

Prof. Monti, anche il sole preso sulle piste da sci danneggia la pelle?
“Una scorretta esposizione solare sulla neve è forse quanto di più deleterio possa esserci per la salute della nostra pelle. Il riverbero del sole sulla neve, infatti, è così elevato anche quando il sole sembra solo tiepido da provocare danni seri alla cute perché i raggi ultravioletti nocivi UVA penetrano in profondità nel derma alterandone le fibre elastiche e del collagene, mentre gli UVB sono estremamente potenti, molto più che al mare, provocando arrossamento o vere e proprie scottature solari. Inoltre, d’inverno sulle piste da sci la pelle è aggredita e arrossata dal freddo e dal vento dell’alta quota e non è protetta dall’abbronzatura. Le insidie, quindi, in linea generale, sono maggiori rispetto al sole preso in spiaggia. Ma gli sciatori sottovalutano i danni alla pelle, che vanno dall’invecchiamento precoce, con rughe e macchie indelebili, fino alla degenerazione tumorale”.

Quali sono i suoi consigli per proteggersi?
“In montagna e, soprattutto, in alta montagna, durante il periodo d’innevamento, il vero pericolo è l’alta concentrazione di raggi UVA, quelli che invecchiano e degenerano la pelle. Purtroppo questi raggi vengono poco o nulla bloccati dai filtri chimici attualmente presenti nelle creme solari. Gli alpinisti scalatori, infatti, preferiscono adoperare le creme ad alto contenuto di Ossido di Zinco, un pigmento che riflette i raggi del sole, ma che rende bianca la pelle e, quindi, non è comunemente accettato. Il problema si risolve coprendosi il più possibile dato che, a differenza dell’estate al mare, il caldo non è un impedimento. In pratica, il consiglio è quello di indossare il cappello con visiera o il casco da sci e gli occhiali a maschera proteggenti e per la parte che rimane scoperta del volto come guance, naso, bocca, mento e collo utilizzare, durante le discese con gli sci o le risalite sugli impianti, un foulard di seta, che mantiene in ombra la pelle. Può sembrare un’esagerazione, ma i vantaggi per la salute della pelle sono assicurati”.

Quali sono i comportamenti sbagliati?
“Osservo che in montagna molte persone, soprattutto i giovani, non si proteggono affatto anzi sfruttano la potenza degli UV approfittandone per abbronzarsi rapidamente, cioè come fare una lampada ad alta pressione nei centri di abbronzatura della città. Si tolgono cappello, occhiali, aprono la camicia e si piazzano a mezzogiorno sotto il sole. Qualcuno si porta anche uno specchio riflettente. Questi comportamenti sono molto pericolosi. Si chiama ‘abbronzatura da weekend’, se ne diventa spesso dipendenti e i danni sono peggiori di quelli dei centri d’abbronzatura. Infatti, data la bassa temperatura dell’aria, in montagna la pelle non si arrossa, non si sente caldo e non ci si rende conto del tempo trascorso. Al lunedì, però, spesso arrivano in ambulatorio giovani con profonde scottature solari, con Herpes (febbre) alle labbra, con occhi arrossati e palpebre gonfie. E i danni per gli occhi e per la pelle sono irreversibili. Questi giovani da anziani avranno un’alta probabilità di sviluppare un tumore cutaneo o un distacco di retina. Penso che le autorità sanitarie delle regioni alpine debbano prendere in seria considerazione l’opportunità di istituire campagne di educazione alla corretta esposizione al sole in montagna”.

Fonte: www.Humanitasalute.it
A cura di Lucrezia Zaccaria


TAG: sci sciare neve abbrunzatura pelle scottature protezione sole

Informazioni su : Dermatologia




ULTIME NEWS

Creme solari: 10 cose che (forse) non sai sui prodotti per l'abbronzatura
2018-08-04
Creme solari, conoscete davvero le caratteristiche dei prodotti per la protezione solare e per l'abbronzatura? L'estate si avvicina e il caldo è arrivato. E' il momento d
I nostri orari di agosto
2018-08-01
ORARI DI APERTURA MESE DI AGOSTO 2018 Fino a lunedì 6 agosto orario normale, mattino e pomeriggio. Da martedì 7 agosto a sabato 11 agosto. Aperti solamente al matt
Api, meduse, ragni, vipere, zecche. Cosa fare in caso di morso o puntura
2018-07-31
Estate, tempo di vacanze: mare, montagna, campagna o lago, ogni località offre relax e svaghi, ma anche lati oscuri. Calabroni, zecche, meduse, scorpioni e vipere in
Bimbi d'estate: il vademecum dei pediatri
2018-07-30
Coinvolgerli nell'organizzazione del viaggio, inserendo tappe ad hoc. Essenziali gli snack e il primo soccorso. Cappellino, crema solare, occhiali da sole e farmaci pr
Rimozione del tatuaggio? Sì, ma rigenerando la pelle
2018-07-30
Pentiti del tatuaggio, c’è una novità! Sembra ormai clinicamente confermato che, con l’uso della tecnologia laser a picosecondi abbinata al trattamento con laser fraziona
Campeggio: i 10 errori da evitare per godersi la vacanza in tenda
2018-07-22
Quest'anno avete deciso di trascorrere una vacanza in campeggio? Di sicuro si tratta di un'alternativa economica, divertente e avventurosa, adatta a chi vuole riscoprire
Godersi la montagna d'estate Anche nella terza età
2018-07-12
Gli eventuali rischi dell'altitudine possono essere gestiti. Le misure da adottare perché il fisico possa trarne giovamento Un piacevole fresco, lontano dall'afa della
Vacanze in salute, le regole d'oro
2018-07-01
Qualche prezioso consiglio da non dimenticare mai, per trascorrere le ferie in tranquillità e fronteggiare eventuali emergenze. Cosa sarebbe l’estate senza vacanze? Il
Le medicine da mettere in valigia
2017-08-01
E’ il momento di andare in vacanza, preparare la valigia: vestiti, costumi, creme, beauty-case e libri vanno bene, ma è importante non dimenticarsi delle medicine. Qu
Allergici in viaggio, qualche trucco per evitare di correre rischi
2017-08-01
In vacanza, soprattutto all'estero, cresce la probabilità di pericolosi choc anafilattici per chi è allergico ai cibi La prospettiva di una vacanza può diventare un in

« Lista Completa