MENU
CERCA
AMBULATORI
SERVIZI IN EVIDENZA
Home >> news >> Bambine che si truccano: boom di dermatiti

Bambine che si truccano: boom di dermatiti

DATA
26.09.2012

NOTIZIA
L'uso di mascara e rossetto è in aumento tra le bambine che in tenerissima età, già dai 7-8 anni, più che pensare ai giochi sono concentrate sul proprio aspetto fisico, tanto da fare un uso consistente di cosmetici, make-up e profumi. Un fenomeno che, aldilà delle riflessioni etiche che impone, viene segnalato dai pediatri per le possibili conseguenze sulla salute delle piccole: l'uso del make-up tra i bambini ha portato a un'impennata delle dermatiti da contatto o allergiche, facendo registrare un +16,7% di tali patologie nella fascia di età 8-12 anni. Secondo il presidente della Federazione italiana medici pediatri (Fimp) Giuseppe Mele, «oggi i bambini sono considerati sempre più come giocattoli in vetrina, una spettacolarizzazione e un accessorio dei desideri dei genitori».

BAMBINI-OGGETTO - Il rischio è che «i bambini diventino "accessori viventi": così la mamma che desidera abiti firmati e costosi, non potendo acquistarne per sé, li compera per i figli, che diventano una sorta di "proiezione" dei propri desideri». I pediatri segnalano dunque una perdita di identità del bambino, che oggi si comporta sempre più come un piccolo adulto e viene abituato ad apparire più che ad essere. Allo stesso tempo, avvertono i pediatri, «i minori stanno diventando nuovi oggetti del marketing: se prima i messaggi pubblicitari si rivolgevano solo indirettamente ai piccoli, facendo leva sulle madri, ora invece i bambini diventano "mercato diretto". Un fenomeno - sottolinea Mele - da monitorare attentamente».

TATUAGGI TEMPORANEI - Sotto accusa anche i tatuaggi temporanei, dannosi per la pelle ma spesso sottovalutati. «È un fenomeno abbastanza diffuso - prosegue Mele -, non dobbiamo credere che sia solo una moda passeggera». Nei bambini e negli adolescenti italiani, affermano i pediatri, «si è riscontrato un sensibile aumento di reazioni allergiche ai tatuaggi all'henné (black-henné), in realtà praticati con miscugli di sostanze chimiche, tra cui la parafenilendiamina (PPD), con potenzialità fortemente allergizzanti». Tanto più che questi prodotti «artigianali e non controllati - avvertono gli specialisti - restano a contatto della cute per almeno 2 settimane». Infatti, al contrario dell'henné puro, che non determina reazioni allergiche, spiegano i pediatri, «la parafenilendiamina, colorante che aumenta la persistenza del tatuaggio, e gli altri pigmenti aggiunti, possono determinare reazioni allergiche».

COMPOSIZIONE - In generale, è il consiglio dei medici, «è importante invitare i genitori a evitare per i loro figli l'uso di cosmetici inutili, soprattutto se profumati e senza chiare indicazioni sulla composizione e le modalità di preparazione». Purtroppo infatti, sottolinea Mele, «non esiste una normativa specifica di controllo sui prodotti cosmetici: da ciò consegue che, per ridurre il rischio di sensibilizzazione, occorre scegliere il trucco tra prodotti privi di conservanti e profumi, in cui sia stata già testata la quantità presente di metalli pesanti, in particolare nichel, cromo e cobalto».

Redazione Salute Online



TAG: dermatologiadermatitibambini

Informazioni su : Dermatologia




ULTIME NEWS

Frullati, centrifugati e succhi vivi: differenze, vantaggi e benefici
2015-05-22
Frullati, centrifugati e succhi vivi, conoscete la differenza tra queste bevande? A volte, soprattutto tra succhi e frullati, si crea un po' di confusione. La loro prepar
La Fisioestetica che riporta il tuo corpo alla sua bellezza naturale
2015-05-21
La Fisioestetica è l’associazione della Fisioterapia alla Medicina Estetica grazie a tecniche non invasive atte a riportare il corpo alla naturale bellezza tramite un per
Primavera, attenti alle allergie crociate
2015-04-09
Non solo pollini. Chi è allergico alla betulla infatti a tavola deve fare attenzione anche alla mela, chi lo è alle graminacee anche all'anguria: è colpa delle cross-reat
Scrocchiarsi le dita: abitudine nociva o innocua?
2015-04-08
Si narra che Franz Liszt, il celebre compositore ungherese, fosse solito, prima di esibirsi al pianoforte, scrocchiarsi le dita per rendere più fluide le mani. Un’abitudi
San Girloamo Reggio Emilia
2015-04-05
SAN GIROLAMO La Chiesa di San Girolamo si trova a Reggio Emilia ed è molto particolare in quanto è formata da tre chiese. Le tre chiese interne sono dedicate rispettiv
La lotta alle allergie comincia adesso
2015-04-01
Siamo sempre più allergici: nelle nazioni occidentalizzate soffre di allergie ormai quasi 1 adulto su 3, oltre al 40-45% dei bambini. Numeri incredibili se si pensa che 2
I sei più comuni sintomi dell’infarto nelle donne
2015-04-01
L’infarto non è solo un problema da uomini: ne sono colpite anche le donne e non soltanto dalla menopausa in poi. Come se non bastasse nelle donne l’esito è spesso peggio
Allergie, come prepararci alla primavera
2015-03-27
Scopriamo qualche cosa di più sulle Allergie e come prevenirle e curarle efficacemente con l’Omeopatia. Un numero sempre maggiore di persone soffre di disturbi allergi
Gli alcolici portano a preferire gli alimenti con più calorie
2015-03-25
Quando si cerca di tenere sotto controllo le calorie si tende spesso a sottovalutare l’importanza di alcuni elementi, come, per esempio, la varietà dei cibi nello stesso
Allergie
2015-03-19
Bollettino Pollini AIA Associazione Italiana di Aerobiologia. Clicca Qui Allergie crociate...cross-over allergeni alimenti...clicca qui. "Allergia" significa "una m

« Lista Completa