MENU
CERCA
AMBULATORI
SERVIZI IN EVIDENZA
Home >> news >> Sesso dopo un ictus o un infarto si può. L'esperto: "Paure spesso infondate"

Sesso dopo un ictus o un infarto si può. L'esperto: "Paure spesso infondate"

DATA
04.09.2013

NOTIZIA
È una domanda che i pazienti non pongono e un'informazione che i cardiologi, in stragrande maggioranza, non forniscono spontaneamente. Si può tornare senza rischi ad una vita sessuale normale dopo un infarto, un ictus, un intervento di angioplastica, l'installazione di pacemaker o addirittura un trapianto di cuore? La risposta è sì, anche se ovviamente con tempi e modalità diverse, a seconda della patologia.

I malati hanno timore ma, nella maggior parte dei casi, le loro paure sono infondate. Le enumera con ironia tutta britannica Graham Jackson, cardiologo del Guy & St. Thomas' Hospital di Londra, al congresso della società europea di Cardiologia (Esc) in corso ad Amsterdam, in una sessione interamente dedicata.

"Si crede che il sesso sia stressante per il cuore - racconta Jackson - che possa addirittura provocare un attacco di cuore o uccidere durante il coito, ma non è così e anzi la maggior parte dei pazienti con malattia ischemica può tornare ad un'attività sessuale senza problemi. L'attività sessuale con il proprio partner è paragonabile ad un esercizio fisico di intensità media e moderata". E - a conferma - cita alcuni dati: la durata media di un atto sessuale varia da 5 a 15 minuti, con la pressione sanguigna che sale a 150-180 mm/Hg e il cuore che arriva a 120-130 battiti al minuto con un picco, l'orgasmo, che dura tra 3 e 5 minuti. Un impegno sostenibile. Non solo: il dispendio energetico di un atto sessuale, misurato come per molte altre attività della vita quotidiana in Met (che è appunto, l'unità di misura del dispendio energetico), è addirittura più alto se si lavano i pavimenti anziché fare l'amore. Qualche esempio: stimolazione del partner 1,7 Met, masturbazione 1,8, se si fa l'amore nella posizione del missionario (uomo sopra) 3,3 Met, se è invece la partner a star sopra scende a 2,5. Numeri bassini se si pensa che stirare "costa" 2 Met, lavare i pavimenti 3,3 e giocare a tennis addirittura 6,8.

"Se un paziente raggiunge 5-6 Met senza aritmia o ischemia l'atto sessuale non comporta problemi - continua Jackson - inoltre l'impegno non è altissimo, 2-3 Met prima dell'orgasmo, 3-4 durante e non più di 5-6 durante il picco, che comunque dura al massimo cinque minuti. È importante che i cardiologi informino sulla ripresa dell'attività sessuale ogni singolo che arriva in ospedale per una angioplastica o un infarto, usando il linguaggio dei pazienti, anche se in certi casi fa un po' ridere: in Gran Bretagna, per esempio, il pene si chiama familiarmente "willy", un nome buffo che io non esito ad utilizzare con i miei pazienti. Soprattutto quando mi dicono che il loro willy non funziona: la disfunzione erettile è un potente predittore di eventi cardiovascolari e coronarici, quasi un marker, soprattutto negli uomini più giovani. Molti uomini hanno problemi di erezione dopo by pass, attacchi di cuore o problemi cardiovascolari: il cardiologo deve sapere che il 70 per cento di loro aveva difficoltà di erezione anche prima. Per questo identificare chi ha difficoltà erettive consente di intervenire precocemente sui fattori di rischio sapendo che la finestra di tempo tra i sintomi di difficoltà di erezione e un evento cardiovascolare è di 2-5 anni, in media tre".

Se in Europa i cardiologi fanno fatica a parlare di sesso con i loro pazienti, negli Stati Uniti non va meglio, soprattutto se il ricoverato è donna. L'obiettivo però è un counseling sessuale a tutti i ricoverati per eventi cardiovascolari, partendo dalle loro aspettative ma arrivando a domande estremamente specifiche sulle attività sessuali preferite (dal petting, al sesso orale, anale, penetrazione con un dito e via dicendo) con consigli dettagliati e validi un po' per tutti i malati: evitare pasti pesanti e alcolici prima del sesso, scegliere posizioni comode (che non pesino sul torace in caso di impianto di dispositivi), aggiustare l'orario di assunzione del diuretico e fare attenzione ad alcuni sintomi, dal respiro corto al dolore al petto, battiti irregolari del cuore, sensazione di affaticamento dopo il sesso, insonnia. Il tutto corredato da un video, da brochure e da un numero di telefono con operatori che rispondono secondo un protocollo preciso dando suggerimenti specifici per ogni tipo di problema clinico, dall'infarto agli stent, dall'ictus alle malattie cardiache congenite, dal defibrillatore fino al trapianto di cuore e suggerendo attività come baci o petting , a minor dispendio energetico,
nei casi più a rischio. "È un ritorno al sesso con consigli molto personalizzati - racconta Elaine Stainke, professore alla scuola infermieristica dell'università di Wichita, nel Kansas, - e tante informazioni che alleviano le paure dei malati, uomini e donne. Il nostro obiettivo è che alle dimissioni ospedaliere, ma anche dopo, ai controlli, tutti hanno abbiano le informazioni giuste per ricominciare senza paura e senza rischi".
Repubblica.it

TAG: cardiologia ictus infarto rapporti sessuali

Informazioni su : Cardiologia




ULTIME NEWS

Creme solari: 10 cose che (forse) non sai sui prodotti per l'abbronzatura
2018-08-04
Creme solari, conoscete davvero le caratteristiche dei prodotti per la protezione solare e per l'abbronzatura? L'estate si avvicina e il caldo è arrivato. E' il momento d
I nostri orari di agosto
2018-08-01
ORARI DI APERTURA MESE DI AGOSTO 2018 Fino a lunedì 6 agosto orario normale, mattino e pomeriggio. Da martedì 7 agosto a sabato 11 agosto. Aperti solamente al matt
Api, meduse, ragni, vipere, zecche. Cosa fare in caso di morso o puntura
2018-07-31
Estate, tempo di vacanze: mare, montagna, campagna o lago, ogni località offre relax e svaghi, ma anche lati oscuri. Calabroni, zecche, meduse, scorpioni e vipere in
Bimbi d'estate: il vademecum dei pediatri
2018-07-30
Coinvolgerli nell'organizzazione del viaggio, inserendo tappe ad hoc. Essenziali gli snack e il primo soccorso. Cappellino, crema solare, occhiali da sole e farmaci pr
Rimozione del tatuaggio? Sì, ma rigenerando la pelle
2018-07-30
Pentiti del tatuaggio, c’è una novità! Sembra ormai clinicamente confermato che, con l’uso della tecnologia laser a picosecondi abbinata al trattamento con laser fraziona
Campeggio: i 10 errori da evitare per godersi la vacanza in tenda
2018-07-22
Quest'anno avete deciso di trascorrere una vacanza in campeggio? Di sicuro si tratta di un'alternativa economica, divertente e avventurosa, adatta a chi vuole riscoprire
Godersi la montagna d'estate Anche nella terza età
2018-07-12
Gli eventuali rischi dell'altitudine possono essere gestiti. Le misure da adottare perché il fisico possa trarne giovamento Un piacevole fresco, lontano dall'afa della
Vacanze in salute, le regole d'oro
2018-07-01
Qualche prezioso consiglio da non dimenticare mai, per trascorrere le ferie in tranquillità e fronteggiare eventuali emergenze. Cosa sarebbe l’estate senza vacanze? Il
Le medicine da mettere in valigia
2017-08-01
E’ il momento di andare in vacanza, preparare la valigia: vestiti, costumi, creme, beauty-case e libri vanno bene, ma è importante non dimenticarsi delle medicine. Qu
Allergici in viaggio, qualche trucco per evitare di correre rischi
2017-08-01
In vacanza, soprattutto all'estero, cresce la probabilità di pericolosi choc anafilattici per chi è allergico ai cibi La prospettiva di una vacanza può diventare un in

« Lista Completa