MENU
CERCA
AMBULATORI
SERVIZI IN EVIDENZA
Home >> news >> Tutte le cause della calcolosi renale

Tutte le cause della calcolosi renale

DATA
28.05.2008

NOTIZIA
Una patologia frequente, con 100 mila nuovi casi l'anno. Ecco cosa sono e come si formano i calcoli.

Si tratta di una patologia molto frequente, che colpisce dal 6 al 9 per cento della popolazione italiana e che non sempre necessita di trattamento chirurgico. Vediamo che cosa sono i calcoli e come e perché si formano con il dott. Guido Giusti, responsabile dello Stone Center dell’Unità Operativa di Urologia di Humanitas, diretta dal prof. Pierpaolo Graziotti.

La formazione dei calcoli
La calcolosi urinaria è una patologia molto frequente che colpisce, a seconda delle regioni italiane, dal 6 al 9% della popolazione. L’incidenza stimata è di circa 100.000 nuovi casi all’anno. Il calcolo è una massa dura che si sviluppa da cristalli che, dalle urine ‘sovrasature’, si separano e crescono fino a formarlo già all’interno dei tubuli renali (strutture all’interno del rene). Normalmente nelle urine si concentra una quantità di sostanze chimiche che partecipano alla formazione dei cristalli (in termini tecnici queste sostanze vengono chiamate promotrici), contrastate da altre sostanze chimiche che inibiscono la precipitazione dei cristalli delle sostanze promotrici (queste ultime vengono chiamate inibitrici). È il gioco tra inibitori e promotori che impedisce in condizioni normali, cioè in soggetti sani, la formazione dei calcoli renali, anche in condizioni critiche. La formazione di calcoli è lo stesso processo chimico che comporta la precipitazione dello zucchero nella tazzina di caffè: se la sostanza contenuta nelle urine è più concentrata del normale, rischia di precipitare. Questo non avviene nei soggetti sani perché nelle urine ci sono delle sostanze che contrastano in maniera efficace la cristallizzazione.

Cinque tipi di calcoli
I calcoli renali possono essere costituiti da varie componenti chimiche, singole o in combinazione:

- la maggior parte dei calcoli, nel mondo occidentale, è costituita da ossalato di calcio, rappresentano il 90% dei casi e sono radiopachi;
- meno frequenti, ma sempre radioopachi, sono quelli di fosfato di calcio;
- quelli di acido urico, sempre più frequenti in questi ultimi anni, sono radiotrasparenti (cioè invisibili nelle radiografie standard) e presentano la caratteristica favorevole di sciogliersi completamente solo alcalinizzando le urine con una banale terapia per via orale, senza dover ricorrere alla chirurgia;
- quelli di cistina, per fortuna assai rari, spesso si manifestano fin dall’infanzia in pazienti portatori di una condizione patologica ereditaria definita cistinuria, spesso causano calcolosi complesse e voluminose, difficili da trattare;
- capitolo a parte meritano i calcoli generati dalle infezioni delle vie urinarie, provocati da batteri che producono una matrice proteica che facilita la precipitazione dei sali disciolti nelle urine.

Nella maggior parte dei casi i calcoli sono causati da un aumento della concentrazione di calcio nelle urine provocato da fattori esterni, quali un’alimentazione ricca di calcio o povera di liquidi, senza che sia presente una patologia scatenante. Causa meno frequente di calcoli è l’iperparatiroidismo, cioè una produzione eccessiva di paratormone da parte delle ghiandole paratiroidi. In questo caso si ha un tasso di calcio nel sangue costantemente elevato, calcio che arriva quindi nel rene causando una sovrasaturazione persistente con conseguente formazione cronica di calcoli, anche di enormi dimensioni.

Quando intervenire chirurgicamente
L’approccio terapeutico alla calcolosi urinaria dipende dalle dimensioni del calcolo e dal punto in cui si trova. In questo caso il calcolo provoca la cosiddetta colica renale, un dolore molto forte spesso associato a nausea. Se il calcolo non viene espulso con conseguente risoluzione dell’ostruzione urinaria, le coliche possono recidivare. Una complicanza frequente, associata al ristagno della urine, è un’infezione delle vie urinarie che necessita di trattamento medico e chirurgico d’urgenza. Circa il 90% dei casi di calcolosi necessita solo della terapia medica per risolvere il dolore, in quanto sono suscettibili di espulsione spontanea. In linea di massima un calcolo può essere espulso con facilità se non supera i 5 mm di diametro. Se il calcolo è posizionato nel rene e rimane di piccole dimensioni può anche non causare alcun disturbo, soprattutto se si trova nel calice inferiore. Se aumenta di dimensioni può invece provocare stasi urinaria e dolore e deve quindi essere rimosso.

FONTE:
www.humanitasalute.it
A cura di Elena Villa








ULTIME NEWS

Addio cibo spazzatura, arriva l'allenamento del cervello per la dieta sana
2014-09-04
E' difficile resistere a patatine fritte, dolci e altri alimenti ipercalorici. Ma ora dagli Stati Uniti arriva la notizia che è possibile difendersi dal fascino di questi
Dopo l'estate tornano i trattamenti sclerosanti
2014-09-02
I capillari visibili a livello degli arti inferiori, noti in ambito medico come teleangectasie, sono sottili vene dilatate che giacciono vicino alla superficie della cute
Pelle secca? ecco gli errori più comuni da evitare
2014-08-29
Diamo un taglio alle brutte abitudini. E prendiamoci cura nel modo adeguato della nostra pelle! Alla base della secchezza cutanea non c’è la mancanza d’acqua del nostr
Unghia incarnita: cosa fare?
2014-08-26
Cosa significa e determina la parola unghia incarnita? L'unghia incarnita si ha proprio quando i lati di un'unghia tende a crescere sotto la pelle delle dita, che sia del
Il mare fa bene alla tiroide?
2014-08-22
Come comportarsi durante le vacanze se si è affetti da iper o ipotiroidismo? Il mare è consigliato? E quali sono gli alimenti alleati della tiroide? Ecco i consigli di De
10 buone ragioni per andare (di più) in bicicletta
2014-08-20
Per un italiano su tre la bicicletta è, almeno nelle intenzioni, il mezzo preferito per spostarsi durante i viaggi vacanzieri di quest'estate 2014. È quanto risulta dal s
Eczema. Colpisce 2 bambini su 10: le raccomandazioni della Siaip
2014-08-18
La malattia cutanea colpisce nel 90% dei casi bambini entro i cinque anni di età, con possibili conseguenze sulla qualità di vita. Dalla complessità patogenetica all'even
Bimbi d'estate: il vademecum dei pediatri
2014-08-04
Coinvolgerli nell'organizzazione del viaggio, inserendo tappe ad hoc. Essenziali gli snack e il primo soccorso. Cappellino, crema solare, occhiali da sole e farmaci pr
Api, meduse, ragni, vipere, zecche. Cosa fare in caso di morso o puntura
2014-07-31
Estate, tempo di vacanze: mare, montagna, campagna o lago, ogni località offre relax e svaghi, ma anche lati oscuri. Calabroni, zecche, meduse, scorpioni e vipere in
Creme Solari Protettive: consigli e miti da sfatare
2014-07-30
Abbronzatissimi sulla riva del mare, cantava una vecchia canzone. In sicurezza, però, aggiungiamo noi. La tintarella infatti può essere molto rilassante; ma quando ci si

« Lista Completa