MENU
CERCA
AMBULATORI
SERVIZI IN EVIDENZA
Home >> news >> Allergia al nichel. Riconoscere e curare l'allergia al nichel

Allergia al nichel. Riconoscere e curare l'allergia al nichel

DATA
06.11.2012

NOTIZIA
La reazione nel 20 per cento dei casi è «sistemica» e provoca orticaria e reazioni eczematose in tutto il corpo. Eczema e arrossamento nell’area toccata dal metallo

La più comune allergia da contatto nei Paesi industrializzati è quella al nichel: colpisce circa il 10% della popolazione, con punte fino al 20-25% nelle donne. «Quando la pelle viene a contatto con il nichel in alcuni individui prende il via una reazione, perché l'organismo riconosce questa sostanza come dannosa - spiega Domenico Schiavino, direttore del Servizio di allergologia del Policlinico Gemelli di Roma -. Il nichel viene captato dal sistema immunitario, che si attiva per produrre sostanze infiammatorie, le quali provocano una reazione locale eczematosa, con prurito, rossore e formazione di vescicole che, se grattate, possono infettarsi. Questa dermatite da contatto si verifica nella maggior parte dei soggetti allergici al nichel. In una minoranza l'allergia comporta anche sintomi sistemici, come orticaria ed eczema generalizzati e disturbi gastrointestinali. In questi casi di parla di allergia sistemica al nichel».

Come si riconosce l’allergia al nichel?
«L’eczema in aree corporee entrate in contatto con il nichel (l'esempio più tipico è quello del lobo dell'orecchio a causa di orecchini contenti il metallo) suggerisce una possibile allergia da contatto, che può essere confermata da un patch test, che consiste nell'applicare sul dorso piccoli cerotti con una serie di sostanze potenzialmente implicate nell'allergia cutanea. A distanza di 48-72 ore si valuta la reazione: se c’è allergia al nichel la rimozione del cerottino contenente nichel lascia una piccola area di pelle infiammata. Se si sospetta un'allergia sistemica, oltre alla verifica di un patch test, occorre far seguire una dieta senza nichel (togliendo le principali fonti alimentari di nichel, come diversi ortaggi e alimenti cotti o conservati nel metallo) per un mese, valutare il beneficio e la ricomparsa dei sintomi dopo un test di provocazione orale al nichel».

Quali le possibili cure?
«In caso di allergia da contatto l'arma migliore è la prevenzione, cercando di evitare il contatto con oggetti che contengono il metallo, cosa più facile oggi che in passato grazie a una maggiore attenzione al problema, che ha indotto molte aziende a ridurre l'impiego del nichel nella fabbricazione di diversi prodotti o a utilizzare isolanti su gioielli, orologi, fibbie, ecc. Nei casi in cui comunque si entri accidentalmente in contatto con il metallo è possibile una terapia sintomatica per contrastare l'eczema. Nel caso, invece, si tratti di allergia sistemica è possibile eseguire un trattamento desensibilizzate che ha successo nel 70% dei soggetti. Questa terapia specifica va protratta per circa un anno e consiste nella somministrazione di piccole dosi di nichel 3 volte a settimana; dopo 3-4 mesi di trattamento si inizia una graduale reintroduzione dei cibi contenenti nichel, partendo da quelli a più basso contenuto (per esempio caffè, mele, carote, patate, vino rosso e birra) fino ad arrivare, quando possibile, a quelli con più alto contenuto, come nocciole, noci, margarina, liquirizia e cacao in polvere».

TAG: nichel metalli allergia allergia al nichel

Informazioni su : Allergologia




ULTIME NEWS

Creme solari: 10 cose che (forse) non sai sui prodotti per l'abbronzatura
2018-08-04
Creme solari, conoscete davvero le caratteristiche dei prodotti per la protezione solare e per l'abbronzatura? L'estate si avvicina e il caldo è arrivato. E' il momento d
I nostri orari di agosto
2018-08-01
ORARI DI APERTURA MESE DI AGOSTO 2018 Fino a lunedì 6 agosto orario normale, mattino e pomeriggio. Da martedì 7 agosto a sabato 11 agosto. Aperti solamente al matt
Api, meduse, ragni, vipere, zecche. Cosa fare in caso di morso o puntura
2018-07-31
Estate, tempo di vacanze: mare, montagna, campagna o lago, ogni località offre relax e svaghi, ma anche lati oscuri. Calabroni, zecche, meduse, scorpioni e vipere in
Bimbi d'estate: il vademecum dei pediatri
2018-07-30
Coinvolgerli nell'organizzazione del viaggio, inserendo tappe ad hoc. Essenziali gli snack e il primo soccorso. Cappellino, crema solare, occhiali da sole e farmaci pr
Rimozione del tatuaggio? Sì, ma rigenerando la pelle
2018-07-30
Pentiti del tatuaggio, c’è una novità! Sembra ormai clinicamente confermato che, con l’uso della tecnologia laser a picosecondi abbinata al trattamento con laser fraziona
Campeggio: i 10 errori da evitare per godersi la vacanza in tenda
2018-07-22
Quest'anno avete deciso di trascorrere una vacanza in campeggio? Di sicuro si tratta di un'alternativa economica, divertente e avventurosa, adatta a chi vuole riscoprire
Godersi la montagna d'estate Anche nella terza età
2018-07-12
Gli eventuali rischi dell'altitudine possono essere gestiti. Le misure da adottare perché il fisico possa trarne giovamento Un piacevole fresco, lontano dall'afa della
Vacanze in salute, le regole d'oro
2018-07-01
Qualche prezioso consiglio da non dimenticare mai, per trascorrere le ferie in tranquillità e fronteggiare eventuali emergenze. Cosa sarebbe l’estate senza vacanze? Il
Le medicine da mettere in valigia
2017-08-01
E’ il momento di andare in vacanza, preparare la valigia: vestiti, costumi, creme, beauty-case e libri vanno bene, ma è importante non dimenticarsi delle medicine. Qu
Allergici in viaggio, qualche trucco per evitare di correre rischi
2017-08-01
In vacanza, soprattutto all'estero, cresce la probabilità di pericolosi choc anafilattici per chi è allergico ai cibi La prospettiva di una vacanza può diventare un in

« Lista Completa